Notifica di sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) contenute in articoli: 5 cose da sapere

Produttori e importatori di articoli quali mobili, prodotti edili e capi d’abbigliamento devono notificare all’ECHA, a determinate condizioni, se i loro prodotti contengono una delle sostanze indicate nell’elenco di sostanze candidate (sostanze estremamente preoccupanti). Tale elenco riguarda alcune sostanze ufficialmente individuate nell’UE come estremamente preoccupanti a causa delle loro proprietà pericolose per l’ambiente e/o la salute dell’uomo.

1 – Chi deve effettuare la notifica?

La notifica è obbligatoria per produttori e/o importatori se risultano soddisfatte le due seguenti condizioni:

  • la sostanza contenuta nell’elenco di sostanze candidate è presente negli articoli che producono e/o importano in una quantità totale > 1 tonnellata per produttore/ importatore all’anno
  • la sostanza è presente in quegli articoli sopra una concentrazione dello 0,1% (peso in peso).

2 – È possibile essere esentati dalla notifica?

Le imprese non sono obbligate a presentare una notifica se:

  • possono escludere l’esposizione delle persone e dell’ambiente in condizioni d’uso normali o ragionevolmente prevedibili, anche in fase di smaltimento;
  • la sostanza è già stata registrata per quell’uso specifico.

Tuttavia, documentare adeguatamente l’esclusione dell’esposizione o rilevare se l’uso è già registrato potrebbe comportare un maggiore dispendio in termini di tempi e di costi rispetto alla preparazione e alla trasmissione della notifica.

3 – Quando deve essere effettuata la notifica?

La notifica di sostanze contenute in articoli deve essere effettuata entro un periodo massimo di 6 mesi successivi all’inclusione della sostanza nell’elenco di sostanze candidate. Generalmente l’elenco di sostanze candidate viene aggiornato due volte all’anno: giugno e dicembre.
Si consiglia ai produttori e agli importatori di aggiornare la notifica qualora l’informazione inserita abbia subito modifiche, come ad esempio: modifica della fascia di tonnellaggio, produzione/importazione di diversi articoli contenenti la stessa SVHC (ad esempio con usi diversi), ecc.

4 – Quali aspetti bisogna considerare per effettuare la notifica?

Il mio articolo contiene una sostanza inclusa nell’elenco di sostanze candidate? Esistono vari modi in cui produttori e importatori possono scoprire se una sostanza inclusa nell’elenco di sostanze candidate è presente nei loro articoli. In molti casi, essi possono ricevere questa informazione dagli attori della catena di approvvigionamento. Per maggiori dettagli è possibile consultare il capitolo 5 della Guida di ECHA alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli.

Qual è la quantità di sostanza inclusa nell’elenco di sostanze candidate contenuta nel mio articolo?
Dopo aver stabilito che i loro articoli contengono una sostanza inclusa nell’elenco di sostanze candidate, produttori e importatori devono occuparsi della concentrazione di detta sostanza in uno specifico articolo per stabilire se la soglia dello 0,1 % è stata raggiunta o meno.
La notifica deve essere trasmessa se la quantità totale della sostanza presente negli articoli prodotti o importati (contenenti una percentuale della sostanza superiore allo 0,1 %) è maggiore di una tonnellata all’anno per produttore o importatore.

5 – Come si presenta / effettua una notifica?

Esistono due possibilità per presentare una notifica: attraverso un modulo web o tramite REACH-IT (utilizzando IUCLID). Si raccomanda l’utilizzo del modulo web per tutti i notificanti, specialmente per coloro che non hanno dimestichezza con IUCLID. Occorre creare un account REACH-IT e seguire successivamente le istruzioni presenti nel modulo web per compilare e presentare la notifica. Si può anche scegliere di effettuare la notifica attraverso il software IUCLID. Successivamente la domanda viene presentata tramite REACH-IT.

Fonte: ECHA

Pavia, 3 dicembre 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

REACH: alternative alla sperimentazione sugli animali Le sostanze chimiche devono essere sperimentate per garantirne l’uso sicuro: per questo ci occorrono informazioni scientifiche in materia per capire i...
Cosa fare se usi e condizioni d’uso non sono contemplati dallo scenario d’esposizione Vi è la possibilità che stabiliate che l'uso e/o le condizioni d'uso della vostra sostanza, in quanto tale o in quanto componente di una miscela, ...
Cosa sono le restrizioni all’uso delle sostanze chimiche in Europa Le restrizioni sono uno strumento per proteggere la salute umana e l’ambiente da rischi inaccettabili presentati dalle sostanze chimiche. Le restr...
Microplastiche: secondo ECHA si accumulano di più in suolo e acque dolci rispetto agli oceani Secondo la valutazione dell'ECHA, le microplastiche hanno maggiori probabilità di essere rilasciate e di accumularsi nel suolo e nelle acque dolci...
Il governo del Regno Unito pubblica un piano REACH in caso di hard Brexit Il governo del Regno Unito ha pubblicato una guida sul regolamento REACH nel caso in cui il prossimo 29 marzo 2019 la Gran Bretagna lasci l'Unione...
Registrazioni REACH: si può utilizzare ancora il numero di pre-registrazione? Non avete ancora registrato una sostanza che avevate pre-registrato e vi state chiedendo se è possibile utilizzare ancora il numero di pre-registr...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *