Nuove informazioni sui prodotti biocidi sul sito di ECHA

A partire dalla fine di novembre 2018, l’ECHA renderà pubblicamente disponibili maggiori informazioni sui prodotti biocidi. Ad esempio, si potrà prendere un prodotto biocida in un negozio e digitare il suo nome commerciale nel database di ECHA. In questo modo sarà possibile vedere in che Paesi europei è autorizzato, quali sono i suoi ingredienti principali e come usarlo in sicurezza. L’obiettivo è rendere più trasparenti le informazioni sui prodotti biocidi.

Più trasparenza

Con l’aiuto del database di ECHA sarà più facile per le aziende e per i consumatori fare scelte più consapevoli sui prodotti biocidi. Per ogni biocida che è stato autorizzato nell’area dell’Unione europea, verrà visualizzata una mappa dei Paesi in cui il prodotto è stato autorizzato e può quindi essere utilizzato. Sarà possibile vedere gli ingredienti principali e tutte le informazioni su come utilizzare il prodotto in modo sicuro. Inoltre, sarà possibile accedere alla valutazione effettuata dalle autorità nazionali su ciascun prodotto biocida.

Karina Kubinakova, membro del team di ECHA che si occupa della divulgazione delle informazioni, spiega in breve il progetto: “L’obiettivo è migliorare la trasparenza sui prodotti biocidi. Il cosidetto SPC (summary of product characteristics) che le aziende sono tenute a creare per ciascun prodotto sarà ora reso pubblicamente disponibile nel nostro database“.

L’SPC include informazioni sull’uso sicuro del prodotto, come ad esempio:

  • le sostanze presenti nel prodotto e le loro concentrazioni;
  • la composizione del prodotto;
  • informazioni sul produttore;
  • informazioni sul fabbricante della sostanza attiva;
  • pericoli e consigli di prudenza;
  • l’organismo a cui è rivolto il prodotto;
  • metodi di applicazione;
  • tipo di imballaggio; e
  • istruzioni per l’uso.

Trova un prodotto con il suo nome commerciale

Nel database i biocidi saranno elencati con i loro nomi commerciali. “Questo significa che puoi raccogliere un disinfettante per le mani, un detergente per servizi igienici o un repellente per zanzare in un negozio e digitare il suo nome nel nostro database per trovare esattamente quel prodotto“, afferma Karina Kubinakova. Questo funzionerà se il nome del prodotto è in spagnolo, ungherese, svedese o in qualsiasi altra lingua dell’UE.
Sarai in grado di trovare il prodotto venduto nel tuo paese e di vedere i suoi prodotti affiliati autorizzati in diversi paesi dell’UE“. Questo ti sarà utile se, ad esempio, sei in vacanza all’estero e hai bisogno di trovare un determinato prodotto.

Cerca per trovare quello che ti serve

Sarà più facile cercare informazioni nel database. Sarà possibile cercare prodotti utilizzando, ad esempio, il tipo di prodotto, il nome del titolare dell’autorizzazione del prodotto o l’area di mercato.

Confronta Prodotti

Una caratteristica, che è probabilmente la più utile per i consumatori che acquistano biocidi, è la possibilità di confrontare i prodotti per trovare opzioni meno pericolose.
Se sei interessato a trovare un disinfettante, puoi eseguire una ricerca nel database di ECHA e quindi scegliere diversi prodotti per confrontarli. Qualcuno dei prodotti contiene un principio attivo considerato meno pericoloso? Oppure i prodotti contengono sostanze potenzialmente pericolose o candidate alla sostituzione? In questo modo potrai facilmente identificare i prodotti con un profilo di pericolosità più favorevole per la salute dell’uomo e per l’ambiente“, afferma Anita Rynkänen.

Controllare lo stato corrente delle sostanze attive

Miglioreranno anche le informazioni sui principi attivi biocidi. “In una sola occhiata, sarai facilmente in grado di rintracciare una sostanza nel sistema di approvazione UE: è approvata o è ancora in fase di valutazione da uno Stato membro o in attesa di un parere da parte del Comitato sui biocidi, o per la decisione finale da parte della Commissione europea?” afferma Anita Rynkänen.

Il database comprende attualmente oltre 300 principi attivi utilizzati in diversi tipi di biocidi.
Con l’aiuto della parte grafica sviluppata sul sito web di ECHA sarai anche in grado di identificare facilmente se una sostanza è considerata meno pericolosa: sarà contrassegnata con un simbolo verde“, continua Anita Rynkänen.

Limitazioni e sviluppi futuri

La banca dati pubblica contiene informazioni solo su quei biocidi che sono già stati autorizzati per l’uso nell’UE. “Ciò significa che non ti devi preoccupare se un prodotto che cerchi non può ancora essere trovato“, chiarisce Anita Rynkänen.

La ragione più probabile è che il prodotto o il principio attivo in esso contenuto è ancora in fase di valutazione da parte delle autorità“.

Tutti i biocidi contenenti principi attivi approvati sono valutati per sicurezza ed efficacia prima di poter essere venduti nell’UE, mentre i prodotti che erano sul mercato prima del 2000 possono continuare a essere venduti mentre le autorità stanno valutando le sostanze attive in essi contenute.

Fonte: ECHA

Pavia, 26 novembre 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

Microplastiche: secondo ECHA si accumulano di più in suolo e acque dolci rispetto agli oceani Secondo la valutazione dell'ECHA, le microplastiche hanno maggiori probabilità di essere rilasciate e di accumularsi nel suolo e nelle acque dolci...
4 video per conoscere il nuovo IUCLID 6.3 È da poco stata rilasciata la versione 6.3 di IUCLID e lo scorso 31 ottobre 2018 ECHA ha dedicato un webinar alla nuova versione del programma. In seg...
Come vengono controllate le sostanze chimiche in Europa? La vita non esisterebbe senza sostanze chimiche: queste sono presenti nel nostro corpo, nell’ambiente che ci circonda e in ogni prodotto che acquistia...
Sostanze chimiche allergizzanti Rispetto al passato, sempre più persone soffrono di allergie. A causarle sono sostanze chimiche artificiali, ma anche allergeni di origine naturale qu...
REACH2018: come stanno andando le registrazioni? Nonostante i numerosi appelli di ECHA alle aziende, per sollecitarle ad inviare i dossier da lead registrant entro lo scorso 31 marzo 2018, la qua...
Stop al metanolo in liquidi di lavaggio o sbrinamento del parabrezza Il 16 gennaio 2015 la Polonia ha presentato all'Agenzia europea per le sostanze chimiche un dossier a norma dell'articolo 69, paragrafo 4, del reg...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *