Quali sostanze usate nei biocidi sono considerate registrate ai sensi del regolamento REACH?

Le sostanze attive fabbricate o importate per essere utilizzate esclusivamente in prodotti biocidi sono considerate registrate per gli usi a cui tale inclusione si riferisce nelle seguenti situazioni:
  • la sostanza attiva è stata approvata a norma del regolamento (UE) n. 528/2012 («BPR»); oppure
  • la sostanza attiva è in corso di revisione nell’ambito del programma di esame dei principi attivi esistenti istituito dall’articolo 16, paragrafo 2, della direttiva 98/8/CE e prorogato a norma dell’articolo 89 BPR.

L’elenco delle sostanze attive approvate è disponibile sul sito web dell’ECHA (Link).

Per verificare quali sostanze attive sono oggetto del programma di esame, si consiglia di consultare l’allegato II, parte I, al regolamento delegato della Commissione (UE) n. 1062/2014, disponibile anche sul sito web dell’ECHA (Link).
Un’esenzione dall’obbligo di registrazione ai sensi del regolamento REACH si applica anche nei seguenti casi:
  • la sostanza attiva è fabbricata o importata per l’uso in un biocida autorizzato conformemente alla procedura di autorizzazione semplificata (articolo 27 BPR);
  • la sostanza attiva è fabbricata o importata per l’uso in un biocida autorizzato conformemente alla procedura di autorizzazione provvisoria (articolo 55 BPR);
  • la sostanza attiva è fabbricata o importata esclusivamente per l’uso in un biocida interessato da esperimenti o test a fini di attività di ricerca e sviluppo scientifica o orientata ai prodotti e ai processi (articolo 56 BPR).

Se il dichiarante fabbrica o importa la sostanza per usi in prodotti biocidi e non, questi sarà tenuto a trasmettere una registrazione per i quantitativi della sostanza utilizzati nei prodotti non biocidi.

Fonte: Q&A ECHA, ID: 1094, version 0.1

Pavia, 30 ottobre 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

Biocidi: autorizzazione nazionale e riconoscimento reciproco Autorizzazione nazionale Le imprese che intendono vendere i propri prodotti in uno degli Stati membri dell'UE devono chiedere l'autorizzazione in t...
Il governo del Regno Unito pubblica un piano REACH in caso di hard Brexit Il governo del Regno Unito ha pubblicato una guida sul regolamento REACH nel caso in cui il prossimo 29 marzo 2019 la Gran Bretagna lasci l'Unione...
Ispezioni REACH e CLP: ecco cosa è successo nel 2017 in Italia Il Ministero della Salute ha rilasciato un documento che fornisce un quadro nazionale delle attività di controllo, effettuate nel corso del 2017, ...
Alta non conformità dei dossier REACH secondo uno studio tedesco (fino a 7 dossier su 10 non complia... Sono necessari maggiori sforzi per aumentare la qualità dei dossier di registrazione REACH: questo è uno dei risultati del workshop "REACH Complia...
Brexit, nel libro bianco il Regno Unito esprime l’intenzione di rimanere in ECHA Il governo di Theresa May ha presentato il Libro Bianco per le future relazioni fra Regno Unito e Unione europea; il documento riporta in 12 punti...
Il successo di REACH potrebbe misurarsi sull’aggiornamento dei dossier Come mantenere aggiornato nel tempo il più grande database esistente al mondo sulle sostanze chimiche? Su questo tema potrebbe misurarsi il succes...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *