REACH: cosa sono le sostanze chimiche preoccupanti, spiegato bene

Un obiettivo politico fondamentale del regolamento REACH è incoraggiare la sostituzione delle sostanze che destano maggiori preoccupazioni con sostanze o tecnologie alternative meno pericolose. In seguito è riassunto il processo di gestione del rischio, nell’ambito dei regolamenti REACH e CLP, che sostiene tale politica di sostituzione delle sostanze chimiche.

STEP1
Le autorità identificano le sostanze chimiche potenzialmente preoccupanti e le opzioni di gestione del rischio. Le loro attività sono elencate nel PACT.

STEP2
Le autorità preparano i fascicoli per avviare una misura di gestione del rischio normativo. Le loro intenzioni sono elencate nel registro delle intenzioni.

STEP3
I fascicoli sono presentati dalle autorità per l’azione normativa: CLH, SVHC o restrizione. I dossier sono disponibili per la consultazione pubblica prima che venga adottata una decisione.

STEP4
Le sostanze SVHC vengono inserite nell’elenco di sostanze candidate. In seguito alla definizione dell’ordine delle priorità e a una consultazione pubblica, può essere deciso che deve essere autorizzato qualunque uso della sostanza.

CHE COSA SIGNIFICA QUESTO PER UN’AZIENDA CHE UTILIZZA SOSTANZE CHIMICHE?

  • Conoscere lo stato normativo ed essere proattivi nella preparazione al cambiamento e nel promuovere l’utilizzo sicuro delle sostanze chimiche in sito.
  • Essere consapevoli dell’impatto che ciò potrebbe avere sulle operazioni della propria società.
  • Contattare i propri fornitori, se necessario, per assicurarsi che siano informati e che intraprendano azioni appropriate.
  • Esaminare la sostituzione delle sostanze chimiche preoccupanti in uso con alternative più sicure.
  • Partecipare a consultazioni pubbliche, al fine di garantire che le decisioni siano basate sulle migliori informazioni disponibili.
  • Verificare di utilizzare sostanze conformi a qualsiasi restrizione o autorizzazione applicabile.
  • Presentare la domanda di autorizzazione se non lo fa il fornitore o se non include l’uso quando si deve continuare a utilizzare la sostanza.
  • Se si producono o importano articoli, si devono rispettare gli obblighi qualora una SVHC presente nell’elenco di sostanze candidate sia integrata in tali articoli. A concentrazioni superiori allo 0,1% (p/p), informare i clienti in merito all’uso sicuro e, se necessario, notificarlo all’ECHA.

Pavia, 26 giugno 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

18° Congresso Società italiana di Tossicologia Dal 10 al 13 aprile 2018 a Bologna Innovazione, sicurezza e sostenibilità, i temi del 18° Congresso della SITOX, vengono richieste in ogni ambito a...
Stop al metanolo in liquidi di lavaggio o sbrinamento del parabrezza Il 16 gennaio 2015 la Polonia ha presentato all'Agenzia europea per le sostanze chimiche un dossier a norma dell'articolo 69, paragrafo 4, del reg...
Cos’è il raggruppamento di sostanze e il read‑across? Il raggruppamento di sostanze e il read-across costituiscono uno degli approcci alternativi più comunemente utilizzati per inserire dati mancanti ...
Iniziano le ispezioni sulla classificazione ed etichettatura delle miscele Foto antonioiacobelli, Getty Images. Le ispezioni negli Stati membri dell'UE e nello Spazio economico europeo (SEE) verificheranno se la classifica...
Il Regolamento REACH, spiegato bene, in un video della RAI Cos'è il Regolamento REACH? Come lo spieghereste ai non addetti ai lavori? Un video spot della RAI potrebbe essere una buona sintesi. Questo vide...
Cosa fare quando ricevete uno scenario d’esposizione? Quando ricevete una SDS estesa di una sostanza con un numero di registrazione, dovete stabilire quali sono i vostri obblighi e decidere come ademp...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *