Sostanze che non vogliamo nei nostri vestiti

L’UE ha adottato misure per limitare la presenza nei prodotti tessili di sostanze chimiche che, come noto, causano il cancro, modificano il DNA o sono dannose per la riproduzione umana.

I consumatori possono essere esposti a sostanze chimiche pericolose nei prodotti tessili per contatto con la pelle, per inalazione o ingestione accidentale di polveri rilasciate dai materiali. Le persone più vulnerabili all’esposizione a queste sostanze e che possono subire gli effetti più negativi per la salute sono spesso i bambini e le donne in gravidanza.

Una nuova restrizione a livello dell’UE, che entrerà in vigore dall’ottobre 2020, limita l’uso di 33 sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR). Queste sostanze possono essere utilizzate nei processi di produzione o per conferire al prodotto proprietà specifiche, ad esempio per rendere il tessuto irrestringibile o ingualcibile. La restrizione si applica sia ai vestiti fabbricati nell’UE sia a quelli importati, ai prodotti tessili, come la biancheria da letto e la tappezzeria, e alle calzature.

Ciascuna delle sostanze soggette a restrizioni presenta proprietà differenti ed è utilizzata in processi diversi nell’industria tessile e calzaturiera, pertanto sono stati fissati limiti massimi di concentrazione per singole sostanze o gruppi di sostanze.

La restrizione riguarda le sostanze dei seguenti gruppi:

Nel regolamento è disponibile un elenco completo delle sostanze proposte per la restrizione e dei relativi limiti di concentrazione.

Sono stati esclusi i vestiti, i relativi accessori e le calzature fabbricati in pelle, pelliccia e cuoio, nonché gli elementi di fissaggio e gli accessori decorativi non tessili, in quanto nella loro produzione sono utilizzati processi diversi. Sono inoltre esenti i prodotti tessili utilizzati per i dispositivi medici e i prodotti di seconda mano che sono stati immessi in consumo prima dell’applicazione delle restrizioni.

Le restrizioni sono misure normative destinate a proteggere la salute umana e l’ambiente da rischi inaccettabili posti dalle sostanze chimiche. Possono limitare o vietare la fabbricazione, l’immissione sul mercato o l’uso di una sostanza in quanto tale, in una miscela o in un prodotto.

Fonte: ECHA.

Pavia, 30 novembre 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

Sostanze chimiche in vestiti e prodotti tessili Molti sono i modi in cui entriamo in contatto con i prodotti tessili nella nostra vita quotidiana: i vestiti che indossiamo, le lenzuola in cui dormia...
Europa: gli ispettori trovano ftalati nei giocattoli e amianto nei prodotti di seconda mano Come risultato di un progetto ispettivo esteso a livello europeo sono stati trovati centinaia di prodotti di consumo con quantità illegali di sost...
Regolamento REACH: cosa sono le restrizioni Le restrizioni sono uno strumento per proteggere la salute umana e l’ambiente da rischi inaccettabili presentati dalle sostanze chimiche. Le restr...
Sostanze chimiche allergizzanti Rispetto al passato, sempre più persone soffrono di allergie. A causarle sono sostanze chimiche artificiali, ma anche allergeni di origine naturale qu...
Le sostanze chimiche nell’agricoltura Nell’agricoltura convenzionale ci si serve di pesticidi per proteggere le piante e di fertilizzanti per favorirne la crescita e la fertilità, mentre n...
Gli interferenti endocrini e la nostra salute Gli interferenti endocrini possono avere effetti nocivi per la salute quali sterilità, tumori e disturbi dello sviluppo (per esempio difetti congeniti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *