Miscele pericolose, UFI e centri antiveleni, spiegati bene

Immetti sul mercato dell’Unione europea una miscela pericolosa? Ad esempio detergenti, adesivi o vernici? Dal 2020, devi fornire informazioni armonizzate sulle tue miscele affinché i centri antiveleni possano usarle in caso di emergenza.

Cosa significa questo in pratica?

Devi indicare la composizione completa di una miscela specificando l’identità chimica e la concentrazione dei componenti. Devi inoltre fornire il codice UFI e riportarlo nell’etichetta del tuo prodotto. UFI sta per identificatore unico di formula. È un codice di 16 caratteri che collega una miscela immessa nel mercato e le relative informazioni, ad es. il nome commerciale, l’uso previsto, la composizione e le informazioni tossicologiche. L’UFI può salvare vite. In caso di esposizione accidentale a una miscela pericolosa, il codice UFI sull’etichetta aiuta il centro antiveleni a identificare subito il prodotto esatto e a fornire una risposta sanitaria rapida e corretta. L’UFI ti permette di proteggere informazioni commerciali riservate quando comunichi dati sulla miscela nella catena d’approvvigionamento.

Puoi chiedere al tuo fornitore a monte l’UFI delle sue miscele, o comunicarlo al responsabile della formulazione a valle. Puoi già aggiungere l’UFI sull’etichetta dei prodotti, entro il primo termine di notifica previsto a gennaio 2020.

Non attendere, inizia già ora a prepararti!

Pavia, 7 aprile 2018.

Ti potrebbe interessare anche:

Vigilanza su REACH e CLP in Lombardia: documenti utili per tutte le regioni Sul sito web di Regione Lombardia sono allegati una serie di documenti che possono essere utili per prepararsi alla vigilanza e controllo sui rego...
Nuovo aggiornamento di IUCLID 6 IUCLID 6.3.1 è ora disponibile per il download sul sito Web di IUCLID. L'aggiornamento a questa nuova versione consentirà di sfruttare le nuove fu...
Iniziano le ispezioni sulla classificazione ed etichettatura delle miscele Foto antonioiacobelli, Getty Images. Le ispezioni negli Stati membri dell'UE e nello Spazio economico europeo (SEE) verificheranno se la classifica...
Centri antiveleni: come usare l’UFI spiegato in un video di ECHA Questo webinar di ECHA spiega cos'è l'identificatore unico di formula (UFI) e come può essere utilizzato. Descrive inoltre gli strumenti disponibi...
L’industria UE è preoccupata per la notifica delle informazioni ai centri antiveleni entro il ... In un position paper il Consiglio europeo dell'industria chimica (Cefic) esprime le proprie preoccupazioni sulla possibilità di implementare l'All...
Miscele pericolose: pubblicata la guida per la notifica ai centri antiveleni È stata pubblicata la linea guida su come preparare e inviare le informazioni sulle miscele pericolose ai centri antiveleni. Il documento per il m...

  1 comment for “Miscele pericolose, UFI e centri antiveleni, spiegati bene

  1. Rodolfo Bigoni
    14 giugno 2018 at 16:28

    Temo che non sarà così facile. Attualmente ci sono problemi tecnici da risolvere, poi ci saranno le interazioni fra i vari Ministeri della salute, ognuno dei quali finora è andato per conto suo (in Italia è sufficiente l’intervallo ragionevole di concentrazione, in Romania si accontentano della SDS, in Spagna vogliono la composizione esatta e una tassa e così via). Se fossero pochi paesi forse le cose si risolverebbero in fretta, ma in così tanti temo che ci vorrà un bel po’ di lavoro per mettersi d’accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *