Regolamento CLP

Quante frasi P posso mettere in etichetta?

Esempio di etichetta regolamento CLP

Mentre non esiste un limite al numero di indicazioni di pericolo (frasi H) da apporre in etichetta, il numero di consigli di prudenza che devono essere riportati è limitato. La regola generale è che sull’etichetta non devono figurare più di sei consigli di prudenza a meno che non siano necessari ulteriori consigli di prudenza per…

Centri antiveleni: come usare l’UFI spiegato in un video di ECHA

Questo webinar di ECHA spiega cos’è l’identificatore unico di formula (UFI) e come può essere utilizzato. Descrive inoltre gli strumenti disponibili e il supporto per la generazione e l’uso dell’UFI per miscele pericolose e non pericolose. Il webinar fornisce esempi pratici su diversi modi di utilizzo dell’UFI. Ti potrebbe interessare anche il seguente articolo: Miscele…

Nuovo aggiornamento di IUCLID 6

IUCLID 6.3.1 è ora disponibile per il download sul sito Web di IUCLID. L’aggiornamento a questa nuova versione consentirà di sfruttare le nuove funzionalità del software, inclusa una nuova interfaccia web opzionale. L’aggiornamento apporta anche modifiche ad alcune parti del formato di IUCLID, che coprono, ad esempio, le ultime versioni dei modelli armonizzati proposti dall’OECD.…

Etichettatura e imballaggio ai sensi del regolamento CLP, in breve

Una volta identificate le proprietà pericolose di una sostanza o di una miscela, queste devono essere classificate di conseguenza. I fabbricanti, gli importatori, gli utilizzatori a valle e i distributori, nonché i produttori e gli importatori di determinati articoli specifici, devono comunicare i pericoli identificati agli altri attori della catena d’approvvigionamento, compresi i consumatori. Ciò…

Regolamento CLP: differenza fra autoclassificazione e classificazione armonizzata

classificazione_etichettatura_clp

Autoclassificazione: la decisione relativa alla classificazione di un particolare pericolo e all’etichettatura di una sostanza o miscela adottata dal fabbricante, dall’importatore o dall’utilizzatore a valle della sostanza o miscela o, se del caso, dai produttori di articoli che hanno l’obbligo di classificazione. L’obbligo di effettuare l’autoclassificazione è stabilito nel regolamento CLP. In base al regolamento…

Come vengono controllate le sostanze chimiche in Europa?

sostanze chimiche REACH

La vita non esisterebbe senza sostanze chimiche: queste sono presenti nel nostro corpo, nell’ambiente che ci circonda e in ogni prodotto che acquistiamo. Per proteggerci, l’Unione europea vara le leggi più ambiziose al mondo in materia di sostanze chimiche. Sia le aziende sia le autorità rivestono un ruolo importante nel migliorare la sicurezza durante l’uso…

L’industria UE è preoccupata per la notifica delle informazioni ai centri antiveleni entro il 2020

Centri antiveleni notifica miscele

In un position paper il Consiglio europeo dell’industria chimica (Cefic) esprime le proprie preoccupazioni sulla possibilità di implementare l’Allegato VIII del CLP entro il 2020. Cefic riconosce gli sforzi compiuti dalla Commissione, dall’ECHA e dagli organismi designati per la futura attuazione dell’allegato VIII del regolamento CLP sull’armonizzazione degli obblighi di informazione per la notifica ai…

Ispezioni REACH e CLP: ecco cosa è successo nel 2017 in Italia

Ispezioni regolamento REACH e regolamento CLP

Il Ministero della Salute ha rilasciato un documento che fornisce un quadro nazionale delle attività di controllo, effettuate nel corso del 2017, per la verifica di conformità dei prodotti chimici al Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) e al Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP) in attuazione del Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici…

Leggi le etichette

La sicurezza sul posto di lavoro inizia dalla conoscenza e dalla comprensione delle etichette e delle istruzioni riguardanti l’uso sicuro delle sostanze chimiche pericolose. Per legge, i fornitori di sostanze chimiche sono tenuti a classificare le proprie sostanze e miscele. Impara a leggere le etichette ed evita i pericoli! Le sostanze e le miscele pericolose…

Nuove informazioni sui pericoli delle sostanze: cosa fare?

Secondo il regolamento CLP, spetta ai fabbricanti, agli importatori o agli utilizzatori a valle tenersi aggiornati riguardo alle nuove informazioni tecniche o scientifiche che potrebbero modificare la classificazione e l’etichettatura delle sostanze o miscele fornite, come indicato nell’articolo 15 del CLP: “I fabbricanti, gli importatori e gli utilizzatori a valle prendono tutte le misure ragionevoli…

Classificazioni differenti da diversi fornitori: cosa fare?

Se, per la stessa sostanza o miscela, si ricevono informazioni sulla classificazione differenti da diversi fornitori, è necessario controllare che si tratti veramente della stessa sostanza chimica. Forse le impurezze o gli ingredienti sono differenti oppure è diversa la forma fisica e questo spiega la differenza di classificazione. Se la sostanza chimica è la stessa,…

Cosa sono le sostanze organiche biodegradabili?

Sostanze organiche biodegradabili

Le sostanze che si degradano rapidamente possono essere eliminate dall’ambiente in tempi brevi. Tali sostanze possono produrre effetti, in particolare in caso di fuoriuscita o di incidente, ma localizzati e di breve durata. Le sostanze che non si degradano rapidamente possono esercitare in acqua un’azione tossica su un’ampia scala spaziale e temporale. Un modo per…

Rilasciato un nuovo format per informazioni da comunicare ai centri antiveleni

Esempio UFI

L’ECHA ha rilasciato un nuovo format da utilizzare per la trasmissione agli organismi designati dagli Stati membri delle informazioni sulle miscele pericolose di interesse dei centri antiveleni. Il nuovo format è stato organizzato sulla base dei requisiti informativi richiesti dall’allegato VIII del regolamento CLP. Le informazioni sulle miscele pericolose classificate per i pericoli chimico-fisici o per…

L’inventario pubblico delle classificazioni e delle etichettature

screenshot notifiche ECHA

L’inventario pubblico C&L è una banca dati centrale contenente informazioni per la classificazione ed etichettatura di sostanze notificate disponibili sul mercato dell’UE e un elenco di sostanze categorizzate in quanto dotate di classificazione ed etichettatura armonizzate conformemente all’allegato VI del regolamento CLP. Attualmente l’ECHA ha ricevuto 6 milioni di notifiche per più di 120 000…

Capire le etichette

Prodotti detergenti supermercato

I simboli di attenzione e i colori specifici presenti sulle etichette dei prodotti forniscono informazioni sul danno che una particolare sostanza o miscela può causare alla salute o all’ambiente. Un pittogramma di pericolo è un’immagine sull’etichetta che comprende un simbolo di attenzione e colori specifici finalizzati a fornire informazioni sul danno che una particolare sostanza…

Miscele pericolose, UFI e centri antiveleni, spiegati bene

centri antiveleni

 Immetti sul mercato dell’Unione europea una miscela pericolosa? Ad esempio detergenti, adesivi o vernici? Dal 2020, devi fornire informazioni armonizzate sulle tue miscele affinché i centri antiveleni possano usarle in caso di emergenza. Cosa significa questo in pratica? Devi indicare la composizione completa di una miscela specificando l’identità chimica e la concentrazione dei componenti.…

Cosa sono i pittogrammi di pericolo?

Un pittogramma di pericolo è un’immagine presente su un’etichetta che include un simbolo di pericolo e colori specifici allo scopo di fornire informazioni sui danni che una particolare sostanza o miscela può causare alla nostra salute o all’ambiente. Il regolamento CLP ha introdotto un nuovo sistema di classificazione ed etichettatura relativo alle sostanze chimiche pericolose…